La vittoria del Campionato di Formula 3000 oltre ad essere stato un prestigioso riconoscimento per il lavoro durato molti anni sin dalle prime volte che ho messo le mani sul volante, ha rappresentato anche il punto di arrivo perché mi ha consentito di pilotare una vettura di Formula 1; il premio riservato al vincitore era appunto un test al volante della Minardi Formula 1.

Il Team Minardi ha offerto un Test premio ai vincitori dei Campionati di Formula 3000, di Formula 3 e di Formula Nissan in Spagna, e ci ha riuniti per un Test collettivo che si è tenuto a metà Dicembre del 1999 sul Circuito di Jerez de la Frontera in Spagna. Tra i vincitori c’ero io, lo svedese Peter Sundberg vincitore del Campionato Italiano di F3 e Fernando Alonso Vincitore del Campionato di Formula Nissan in Spagna.

Non vedevo l’ora di salire in macchina, contavo i giorni e aspettavo con trepidazione la chiamata da parte del team Minardi che mi avrebbe dato istruzioni circa la data prevista per il test e per la realizzazione del posto guida.

Sono arrivato a Jerez de la Frontera un giorno prima, volevo cogliere ogni occasione per conoscere la pista e sfruttare i momenti di pausa per fare il mio solito giro a piedi del tracciato.

In serata, ho avuto un bel colloquio con Cesare Fiorio, ci siamo conosciuti un po’, mi ha posto domande circa le esperienze sportive trascorse e mi ha fatto un “in bocca al lupo” per il Test del giorno dopo.

Mi sono svegliato 2 ore prima della sveglia, ero nervoso e concentrato, avevo in testa il tracciato e tutte le informazioni fornitemi dagli ingegneri, ero pronto.

Nel Test collettivo c’erano tutti i Team di Formula 1, Ferrari, McLaren, Williams, BAR, Jordan, Benetton ecc. e nel giorno del Test le condizioni climatiche erano pessime. Non avendo mai girato su quella pista, e non conoscendo le insidie amplificate dalla pioggia battente, la mia prima volta al volante della vettura da corsa più importante e sofisticata al mondo sarebbe stata più complicata del previsto.

Sono stato il primo dei 3 a scendere in pista e con le condizioni peggiori.

Accendiamo il motore e il mio corpo inizia a vibrare incredibilmente, ero emozionato e concentrato, eccitato e curioso.

Mi spingono fuori dal box, e penso alle manovre da fare per partire: tiro la leva della frizione posta dietro il volante con le dita della mano sinistra, con le dita della mano destra inserisco la prima marcia e cerco avere un controllo sui giri del motore, che però schizzavano in alto anche con uno spostamento millimetrico dell’acceleratore!

Una volta regolarizzati i giri motore, pian piano stacco la frizione per partire, operazione delicata visto che era la prima volta che avrei staccato la frizione con la mano. Così la macchina parte e mi avvio verso la pista.

Volevo fortemente sentire il motore, capire quanto fosse potente, così appena ho potuto ho cominciato a spingere. Volavo!!! La macchina accelerava in modo incredibile e ad ogni cambio marcia ridevo di felicità.

Era impressionante l’accelerazione, la capacità dell’auto di rimanere incollata alla pista nonostante fosse piena di acqua, ma la cosa che più mi ha sconvolto è stata la frenata. Se dovessi fare una graduatoria delle cose più incredibili di una Formula 1 direi sicuramente la frenata. In fondo al rettilineo si passava da quasi 300 km/h a 80 Km/h in meno di 100 metri sul bagnato!!!

Ho svolto il mio lavoro nel migliore dei modi, ho anche ottenuto un buon tempo sul giro e per la serietà, la disciplina e la professionalità ho anche ricevuto degli elogi da Giancarlo Minardi, Cesare Fiorio e Gabriele Rumi. 

L’esito positivo del Test mi ha consentito di diventare Pilota e Collaudatore del Team Minardi F1 insieme a Fernando Alonso per l’anno 2000.

Una volta ufficializzato il mio ruolo di Pilota e collaudatore, ho svolto in primis un duro lavoro di preparazione fisica e atletica presso la Clinica del Dott. Ceccarelli di Viareggio, e poi ho effettuato dei Test sull’aerodinamica a Vairano e al Mugello.

Durante l’estate del 2000, ho avuto anche la possibilità di correre negli Stati Uniti ad Elkhart Lake in una gara di durata del Campionato Grand Am alla guida di un prototipo Riley & Scott con motore Ford 6 Litri da 650cv, gara che però è terminata dopo circa un’ora a causa di un problema tecnico.

Al termine della stagione e arrivati alla scadenza del contratto con il Team Minardi F1, si è chiusa la mia esperienza in F1 anche perché la Minardi F1 ha cambiato proprietà, e le mie aspirazioni e ambizioni sono svanite.

CONTATTAMI COMPILANDO IL MODULO

[contact-form to="giorgiovinellaonline@gmail.com, g.vinella@gruppovinella.com, info@giorgiovinella.com, " subject="Richiesta informazioni dal sito - modulo contatti"][contact-field label="Nome" type="name" required="1"][contact-field label="Email" type="email" required="1"][contact-field label="Cellulare" type="text" required="1"][contact-field label="Città" type="text" required="1"][contact-field label="Messaggio" type="textarea" required="1"][contact-field label="Compilando ed inviando questo modulo, autorizzi il trattamento e la gestione dei dati immessi secondo quanto stabilisce il nuovo Regolamento Europeo (GDPR n. 679/2016) in materia di privacy e protezione dati personali. Per maggiori informazioni leggi la nostra Privacy Policy prima di inviare." type="checkbox" required="1"][/contact-form]

CONTATTAMI UTILIZZANDO UNA CHAT