L’esperienza maturata nel 1998 nel Campionato Internazionale di Formula 3000 ha influito molto sulla scelta della squadra per l’anno 1999.

Dopo aver sostenuto dei test invernali e aver verificato che le squadre disponibili non fossero sufficientemente attrezzate ad affrontare un Campionato ai vertici, ho ceduto alle lusinghe del Team Martello, Team con il quale avevo corso nel 1997, perché avevano la giusta determinazione per puntare al titolo del nuovo Campionato Italiano di Formula 3000, ma soprattutto avrei ritrovato il miglior ingegnere di pista del mondo, Mick Kouros!

Abbiamo effettuato un ottimo lavoro sulle auto nel periodo precedente il Campionato con Test in Italia e in Francia, e a giugno sul circuito di Vallelunga si è svolta la prima gara.

Sono andato molto bene durante le varie sessioni di prove libere, mentre il set di gomme utilizzato in qualifica non ha funzionato a dovere; mi sono qualificato sesto e in gara ho ottenuto il 4° posto in classifica.

Il secondo appuntamento si è tenuto sullo storico Autodromo nazionale di Monza. Correre a Monza con una vettura con 500 cv è tutta un’altra cosa, infatti in fondo al rettilineo ci siamo avvicinati ai 300 Km /h!

Ho ottenuto un ottimo secondo posto, è stata una gara molto combattuta anche perché con la nostra squadra abbiamo fatto una scelta molto rischiosa e cioè di correre con bassissimo carico aerodinamico, che però da metà gara in poi ha fatto scaldare troppo le gomme facendo salire la pressione rendendo l’auto più scivolosa.

Poi in Sicilia, a Pergusa; pista molto veloce e piena di cordoli e chicane.

Durante la sessione di prove libere in uscita dalla chicane più stretta, ho preso un cordolo più alto e l’auto si è allargata in uscita verso l’esterno urtando violentemente contro le barriere. Abbiamo ricostruito l’auto ed ho vinto la gara partendo dalla quarta posizione.

In agosto c’era la trasferta a Donington Park, un Circuito a me molto caro sia perché ho fatto molte belle gare e perché nel 1995 mi sono ritrovato fra le fiamme della mia Formula Ford.

La gara inglese è stata condizionata dal maltempo che ha reso le condizioni del circuito molto difficili, e partito dalla quarta posizione, a metà gara la mia auto è volata sulle barriere a causa di un acquaplaning.

Tornati in Italia, avevamo 2 appuntamenti a Misano Adriatico; il primo è stato molto incolore, qualifica in quarta posizione e poi quinto al traguardo. Sono stato sorpassato al via e non avevo abbastanza velocità per sorpassare.

Il secondo appuntamento di Misano diventava decisivo perché ci si avvicinava alla fine del Campionato ed era di fondamentale importanza raccogliere quanti più punti possibile.

In qualifica ho segnato il quinto tempo, poi un’ottima partenza e a fine gara, con la complicità dei 2 piloti che mi precedevano che si sono toccati in battaglia, sono riuscito a sopravanzarli ed a vincere.

Questa vittoria mi ha spianato la strada verso il titolo che però non era ancora matematicamente conquistato; a Imola si sarebbe svolta l’ultima gara di campionato.

In prova tutto perfetto, ero veloce e concentrato.

Appena iniziate le qualifiche si è abbattuto un violento acquazzone, e sulla salita dopo la curva Tosa, l’enorme quantità di acqua ha causato uno spaventoso incidente facendomi sbattere contro il muro.

Questo incidente ha provocato una protrusione discale alle mie vertebre e la completa ricostruzione della mia auto per la gara del giorno dopo. Non avendo potuto completare neanche un giro di qualifica sono partito ultimo, ho recuperato fino al 9° posto e mi sono comunque aggiudicato il titolo di Campione di Formula 3000.

Il premio per il vincitore del Campionato consisteva nell’effettuare un Test con la Minardi di Formula 1, il sogno di tutta la mia vita stava per divenire realtà.

« 1 di 2 »

CONTATTAMI COMPILANDO IL MODULO

[contact-form to="giorgiovinellaonline@gmail.com, g.vinella@gruppovinella.com, info@giorgiovinella.com, " subject="Richiesta informazioni dal sito - modulo contatti"][contact-field label="Nome" type="name" required="1"][contact-field label="Email" type="email" required="1"][contact-field label="Cellulare" type="text" required="1"][contact-field label="Città" type="text" required="1"][contact-field label="Messaggio" type="textarea" required="1"][contact-field label="Compilando ed inviando questo modulo, autorizzi il trattamento e la gestione dei dati immessi secondo quanto stabilisce il nuovo Regolamento Europeo (GDPR n. 679/2016) in materia di privacy e protezione dati personali. Per maggiori informazioni leggi la nostra Privacy Policy prima di inviare." type="checkbox" required="1"][/contact-form]

CONTATTAMI UTILIZZANDO UNA CHAT